6x6

6x6

Grafica


The art of making connection


Design Nicholas Bewick



Coming soon...
Grafica



Tutto è cominciato negli anni Sessanta con la definitiva consacrazione del loft e dell’open space.
I relitti post-industriali di New York trasformati in abitazioni per nuovi abitanti; i grandi spazi vetrati, moquette a terra, ariosi e avvolti da leggerissimi scheletri d’acciaio come spazio evoluto per un modo differente di lavorare aprono definitivamente a un tempo in cui la flessibilità s’impone come il carattere dominante del futuro. Oggi, a distanza di cinquant’anni da un momento che ha cambiato i nostri destini, il termine flessibile è così entrato nel nostro modo di essere e di pensare da apparire irrinunciabile.
Questo perché stiamo vivendo una metamorfosi globale così radicale e senza chiari confini che solo questo carattere così instabile, aperto, neutrale e orizzontale può garantire agli oggetti che acquistiamo e ai luoghi che abitiamo, un destino possibile e una durata accettabile. Ma alla base del concetto di flessibilità esistono piccole, decisive, invenzioni che consentono alla macchina complessiva di muoversi e di adattarsi a ogni situazione, anche la più inattesa.

disegno 1



disegno 2



È sul minuscolo ingranaggio, nella sua universalità e genialità, che possiamo individuare il Sacro Graal dei sistemi che guarderanno al futuro con ottimismo. Una buona parte dell’architettura e del design della modernità si fonda su invenzioni quasi invisibili, su giunti, snodi, agganci, meccanismi che hanno avuto il potere di rendere la struttura complessiva flessibile e capace di accogliere sfide e condizioni inimmaginabili al momento del loro concepimento. La sfida è nel dettaglio.
Nella sua qualità diffusa, nella qualità con cui è pensato e realizzato, nella solidità dei materiali che lo compongono. E il progetto 6x6, ideato da Nicholas Bewick per l’azienda mantovana di Marco Roversi, punta con forza e lucidità in quella direzione. Un giunto perfetto. Elementare come lo possono essere le idee chiare e cristalline. Costruito ad arte con materiali antichi e insieme contemporanei. Una base universale per rendere sistemi di arredo per la casa, il lavoro, l’ospitalità e il tempo libero adattabili, non rigidamente separati, ma in costante dialogo tra di loro.

6x6 è una sfida con una lunga tradizione moderna alle spalle, ma insieme è frutto della tradizione italiana che da sempre mette insieme alta artigianalità e industria di precisione, oltre a parlare del background di Bewick, uno degli allievi più talentuosi di quel maestro del design chiamato Michele De Lucchi. 6x6 è una calcolata sfida al mondo dell’arredo e della produzione; un oggetto italiano per un mercato mondiale e insieme l’indicazione che solo attraverso la progettazione e realizzazione di alta qualità si può affrontare un mondo confuso, che chiede soluzioni innovative senza avere una chiara visione d’insieme su come abiteremo e cosa cercheremo nei luoghi che colonizzeremo nel prossimo futuro.

— Luca Molinari

disegno 3








Giunto 6x6

La semplicità di costruzione crea il sistema 6x6, un sistema flessibile di telai che possono essere personalizzati con diversi materiali di finitura e diversi accessori per combinare configurazioni di arredamento e divisori di spazio adatti a ogni tipologia di ambiente.

Composizione


a1
a2
a3


The art of making connection
Download PDF





Via 4 Novembre, 26/28
46024 Moglia (MN), Italia
T + 39 0376 59 8153
F + 39 0376 59 8823
www.roversi.it